Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Post con #parmigiano reggiano

Rösti di patate e Parmigiano Reggiano su crema di zucchine

Eccoci a partecipare al #PRChef2015 e, più precisamente, a 4 cooking un contest organizzato da Parmigiano Reggiano che chiede di realizzare da una a tre ricette con massimo 4 ingredienti (esclusi gli odori).

Difficile, lo dobbiamo dire, ma molto stimolante.

Cogliamo l´occasione per raccontarvi un aneddoto dello scorso anno.

Eravamo arrivati da meno di un mese e ci siamo ritrovati a cucinare per 15 persone, un cena di ringraziamento per amici che avevano aiutato nel trasloco.

Amici non direttamente nostri, visto che eravamo appena arrivati e quindi parecchia ansia da prestazione, voglia di fare qualcosa di buono, etc.

Insomma ci siamo ritrovati a preparare in una minuscola e ancora precaria cucina un super buffet con di tutto di più, nella speranza di poter accontentare tutti.

C´era anche qualche piatto con del Parmigiano a scaglie, con tutto quello abbiamo preparato non ricordiamo più cosa fosse, ma ad occhio e croce poteva essere una bella insalatona.

Alla cena c´era anche una ragazza in dolce attesa che chiedeva cosa ci fosse in ogni piatto per sapere cosa poteva o non poteva mangiare.

Ve la facciamo breve: ha preso l´insalata fidandosi nella nostra pulizia, ma ha scartato il Parmigiano.

Curiosi abbiamo chiesto il perché.

Se per noi italiani il Parmigiano è l´emblema di un cibo sano e genuino che tutti possono mangiare e che, anzi, viene consigliato a malati, bimbi e donne incinte, qui viene visto con sospetto, come nefasto portatore di malattie.

E così abbiamo capito che sì avevamo proprio cambiato nazione e un nuovo universo simbolico di riferimento, assolutamente nuovo, si stava aprendo ai nostri occhi.

Altra cosa che abbiamo scoperto con i mesi è che i più considerano i cristalli di tirosina (i puntini bianchi) macchie di muffa, spiegare che sono segni della stagionatura ci ha fatto sentire dei benefattori dell´umanità!

Ma torniamo a noi e al nostro contest.

Si può realizzare qualcosa di buono con soli 4 ingredienti? Ebbene sì!

Noi abbiamo realizzato dei rösti di patate e parmigiano accompagnati da una crema di zucchine.

Ovviamente la crema può essere cambiata a seconda della stagionalità, per dire in inverno vedremmo bene qualcosa di cipolloso.

Il rösti è un piatto povero, ma di grande sapore che piace a tutti, dai grandi ai piccoli. Normalmente si aggiungono spezie come la noce moscata, ma la presenza del Parmigiano Reggiano ci permette di eliminare le spezie mantenendo un grande sapore.

Essendo un piatto povero e gustoso viene subito voglia di farlo, ma possiamo dirlo? Diciamolo, è una grande rottura di pXXXX.

Il procedimento è lunghetto, si trita, si schiaccia, poi si frigge, insomma di solito lo si prende al ristorante (tanto che anni fa un ristorante nel trendissimo quartiere di Pigneto, a Roma, ci creò il suo core business).

Rösti di patate e Parmigiano Reggiano su crema di zucchine

Crema di zucchine

217 g di zucchina->205 senza le estremità

24 q.b.

olio evo q.b.

sale q.b.

basilico q.b.

Soffriggere leggermente la cipolla e aggiungere la zucchina tagliata a fette sottili.

Lasciare andare qualche minuto e poi salare, aggiungere un velo di acqua e coprire con un coperchio per stufarle.

Dopo qualche minuto saranno pronte, passarle in un boccale, aggiungere le foglie di basilico spezzate e ridurle in crema con il frullatore a immersione.

Per rendere il tutto più cremoso lasciar cadere qualche goccia di olio a filo, mentre si frulla.

Rösti di patate e Parmigiano Reggiano su crema di zucchine

Rösti

550 g di patata-> 432 g pulita -> 300 g grattata e strizzata

80 g Parmigiano Reggiano 24 mesi a lamelle sottili-> questa stagionatura bilancia la dolcezza della patata; abbiamo scelto le lamelle per dare più importanza alla sua presenza

sale q.b.

olio evo q.b.

Pelare le patate, grattarle (buchi larghi della grattugia) e strizzarle in un panno pulito. A questo punto, perdendo molta acqua il peso sarà parecchio diminuito.

Grattare, sempre nella maglia larga il Parmigiano Reggiano e mischiarlo alle patate con un pizzico di sale.

Prendere un coppa pasta (noi diametro 11 cm) e iniziare.

In una padella con olio caldissimo posizionare il coppa pasta e riempirlo con il nostro composto, schiacciare leggermente e girare dopo qualche minuto.

Quando il rösti è dorato da entrambi i lati è pronto.

Con queste dosi ne vengono 5 (ma sarebbe preferibile un coppa pasta del diamentro di 8 cm)

Impiattate con un baffo di crema e un rösti centrale, decorate con basilico, se vi va.

Ottobre...Un mese pieno di gusto

[...] Non so se tutti hanno capito Ottobre la tua grande bellezza:
nei tini grassi come pance piene prepari mosto e ebbrezza, prepari mosto e ebbrezza...
Lungo i miei monti, come uccelli tristi fuggono nubi pazze,
lungo i miei monti colorati in rame fumano nubi basse, fumano nubi basse
[...]

Visto il titolo di questo post non potevano non iniziare con questa citazione del nostro amato Guccini (e dell'amatissima "Canzone dei dodici mesi" e se non la conoscete acoltatela QUI).

Non credete anche voi che renda bene l'opulenza autunnale?
E sicuramente questo mese è ricchissimo di eventi legati al mondo del food.
Prima di tutto dal 25 al 29 ottobre ci sarà il Salone del Gusto! Non "un", ma "L"' evento di food organizzato da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino, in collaborazione con Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.
Cibi che cambiano il mondo è il tema del Salone del Gusto e Terra Madre 2012 e qui vi riportiamo direttamente un pezzo del comunicato stampa, poche frasi con cui ci sentiamo perfettamente in linea:

"Le storie di chef, artigiani e comunità del cibo di 150 Paesi testimoniano come si possa rivoluzionare  il  paradigma  che  regola  questo  mondo  in  crisi  a  partire  dal  cibo, dimostrando che possiamo fare qualcosa di buono per la nostra salute, l’ambiente e il sistema produttivo senza rinunciare al piacere del cibo e alla convivialità. Come immagine di  questa  edizione  abbiamo  scelto  un  alimento  simbolo  del  cambiamento:  la  mela  di Newton. Per noi è anche un invito a usare la testa nelle nostre scelte alimentari."

Tempo fa, correva l'anno 2010, avevamo partecipato (in ritardo) a un contest della Pasta Garofalo legato al Salone del Gusto (con Roselline di Gricia su letto di funghi e rugiada di salsa al Sagrantino) e ora con nostro grande stupore, ma anche entusiasmo, ma anche imbarazzo, ma anche..Ok basta "ma anche" non vorremo mai rubare il posto a Crozza che imita il Walter nazionale :) ... Beh insomma quest'anno grazie a Pasta Garofalo e al progetto Gente del fUd (di cui vi avevamo parlato QUI) ci saremo anche noi e sappiamo già che sarà divertentissimo incontrare dal vivo tutti i compagni di merende virtuali :)
Beh se siete curiosi di vedere i Broccoli spadellare ci troverete sabato 27 ottobre alle 12:00 allo stand Garofalo dove avremo l'onore (e sappiamo che tutta la foodblogosfera ci invidierà ^_^) di condividere i fornelli con gambettonellazuppa
Ve lo diciamo subito, ma chi ci segue lo sa bene, siamo dei broccoli timidi...Perdonateci gaffe, errori, impappinamenti, padelle per terra e chi più ne ha più ne metta.

Se volete seguire l'evento (tutto! mica solo noi) e non potete essere a Torino allora andate QUI e godetevi lo streaming web aggratisse con i piedi sulla sedia e ben spaparanzati sul divano.

Ma non finisce qui!

Sabato 27 ottobre  ci sarà anche la prima cena virtuale del web, la Parmigiano Reggiano Night 2012. Se non sarete a Torino sarà divertente partecipare alla degustazione 2.0: chiunque potrà fotografare la propria ricetta con il parmigiano e postarla sulla pagina facebook dell'evento all'ora di cena, gnammm.
I più curiosi potranno scoprire nuove ricette QUI e i più temerari potranno mettersi alla prova con il risotto di Bottura! Tranquilli c'è un video tutorial su youtube (QUI).
Insomma è o non è un mese pieno di gusto?